Ma a me ‘Siam pronti alla vita’ è piaciuto

Come noto, il primo maggio si è inaugurato, tra ritardi e difficoltà ma comunque in tempo, l’Expo di Milano. Presente il premierissimo Renzi che ha voluto modificare leggermente l’Inno di Mameli con una personale reinterpretazione, sostituendo il finale “Siam pronti alla morte” con “Siam pronti alla vita“. A seguire polemiche infinite e prese di posizione nette ed intransigenti, in puro stile italiano.

L’origine del “Canto degli italiani” e di quel riferimento alla morte risale al 1847: l’inno fu scritto, come noto, dal giovane studente patriota Goffredo Mameli, genovese, e musicato da Michele Novaro. Sebbene italiano, l’inno in realtà si rifà, in spirito e semiosi, alla marsigliese francese. Era ispirato, infatti, a ciò che stava succedendo in Francia con la Rivoluzione che prende il nome dal famoso motto di Liberté, Égalité, Fraternité e preludeva ai moti del 1848 in Italia. Dopo di questi, ed anche grazie alla sua orecchiabilità e al richiamo ai temi della liberazione e all’indipendenza dallo straniero (asburgici in primis), il successo dell’inno fu un crescendo, divenne popolare nel Risorgimento e soprattutto dopo la seconda guerra mondiale, tanto che diventò de facto l’inno d’Italia anche senza una legge (anzi, nel più puro spirito italiano, è rimasto inno provvisorio, e solo nel 2012 una legge ne ha decretato l’obbligatorietà ─ senza peraltro togliere la provvisorietà, non si sa mai).

E veniamo dunque al testo: come ogni storico sa, le cose e gli eventi accaduti nel passato non si possono giudicare con le categorie del presente ma vanno contestualizzati (parola magica che autorizza in genere a giustificare tutto ciò che di terribile è accaduto prima di noi, tendenzialmente con ragione). Il testo è un mix di patriottismo, riferimenti culturali, storici e letterari di non immediata comprensione e soprattutto è intriso di romanticismo, che all’epoca era in voga (anche oggi, ma sui danni fatti dall’idealismo ne scriverò un’altra volta).

La retorica del testo è tutta incentrata sulla battaglia e sulla chiamata alle armi (in chiave di liberazione dallo straniero, contestualizzando ovviamente): nel ritornello e nella prima strofa, dove poi c’è il riferimento alla morte, c’è il tema della coorte (ovvero della decima parte della legione romana), il richiamo “all’armi”, e poi la citazione a Publio Cornelio Scipione (nell’inno è in latino: Scipio), cioè al militare romano che alla fine della II guerra punica liberò la penisola italiana dall’esercito cartaginese, e che fu soprannominato “Scipione l’Africano”. Secondo Mameli, il suo elmo è ora indossato dall’Italia che è pronta a combattere (ovvio) ed essere di nuovo unita (contro il suddetto straniero invasore, sempre contestualizzando). L’esaltazione della figura di Scipione sarà ripresa durante il fascismo con la produzione cinematografica Scipione l’Africano, uno dei colossal storici del tempo, en passant.

Siam pronti alla morte? Allora senza dubbio lo erano, per unire l’Italia; oggi temo molto meno, ma lo spirito patriottico ─ con richiamo alla morte ─ è stato in realtà modificato successivamente: dopo il 1861 ai monarchici quell’inno sembrava troppo rivoluzionario (Mameli era un mazziniano doc), mentre alle frange più anarchiche sembrava all’opposto troppo conservatore. Insomma, stranamente i primi italiani uniti erano già divisi anche su questo. Così, dopo la proclamazione del Regno d’Italia, l’inizio della seconda strofa fu cambiato: da “Noi siamo da secoli calpesti, derisi” divenne “Noi fummo per secoli calpesti, derisi”, mentre nel ritornello venne ripetuta la frase “Siam pronti alla morte” con l’aggiunta di un roboante “Si!” in modo da auto-confermare eventuali dubbi (la psicologia positiva sarebbe arrivata solo un secolo dopo, ma noi eravamo già avanti, come al solito, senza saperlo).

Ed ecco che qui interviene Renzi con geniale sagacia, ma non solo sul testo: non si può disaccoppiare la coreografia comunicativa renziana dalla presenza scenica dei bambini. Sono i bambini ad essere inquadrati quando viene cantata la “variante” al ritornello e la strofa finale: le telecamere chiudono su di loro, e il commento di mia madre sancisce che l’opera renziana di revisione è riuscita: “Che carini!!”. Fine del discorso: neanche io riesco a non apprezzare quell’inno così romantico: e poi siam pronti alla vita in effetti suona meglio di siam pronti alla morte..

Delle doti comunicative e di spregiudicatezza di Renzi si è detto di tutto di più. C’è a chi piace, in generale a chi ha un carattere fattivo e concreto, e c’è a chi non piace, spesso chi è più legato alle tradizioni e a un certo modo di intendere la politica e la comunicazione: ma questo generalizzando molto, perché poi perfino Crozza ormai lo percula fin da tempi non sospetti. L’ultimo in ordine di tempo è stato il diretùr Ferruccio De Bortoli, che in un editoriale infuocato prima di lasciare la direzione del Corsera lo ha soprannominato maleducato di talento“.

Sul talento, non si discute. Forse FDB voleva ispirarsi allo smemorato di Collegno,  ma tutto si può dire di Renzi tranne che non abbia inventiva e creatività, anche quando forse non è opportuno (ma la creatività è sempre opportuna e l’inventiva mai fuori luogo?). In fondo, solo dei monolitici reazionari potrebbero desiderare che nulla cambi, sebbene noi italiani siamo più portati a fare in modo che tutto cambi affinché nulla cambi.
Ma anche ammettendo che cambiare l’inno sia la cosa più tremenda che si possa fare, uno stupro da inorridire facendo rotolare nella tomba di moto circolare uniforme il povero Mameli e il Novaro, non riesco a trovare così grave questo cambiamento, a meno che non si inquadri la cosa da un punto di vista strettamente segnico. Perché la sfida di matrice renziana non è una strofa cambiata, ma è il cambiare per cambiare, cioè il rischio di modificare solo le apparenze, le appartenenze e gli equilibri, ma poi lasciare le cose in sottofondo come stanno, rischio reale, io credo molto più inopportuno di una strofa revisionata.

Neanche questa in fondo è una novità. Nei sistemi di potere (e quello italiano è solidissimo, nonostante le apparenze) la sfida al cambiamento di qualsiasi persona che lo conquisti, si infrange di solito negli apparati, un po’ come quei tripodi giganteschi che si stagliano nelle barriere dei porti: inizialmente l’onda li travolge e li sopravanza, ma poi piano piano perde potenza mentre le seconde e terze file dei giganteschi pietroni alla fine abbattono anche l’ultima energia residua, in modo che il porto resti calmo, tranquillo, sereno….

Viviamo in una società, quella italiana, per certi versi mortifera, annegata nella corruzione di in una classe politica soggiogata ed asservita a un modo di agire mafioso (inutile citare Mafia Capitale, ché come romano è quella che più mi colpisce da vicino), a qualsiasi livello territoriale e politico, e una società derisa e calpestata, essa sì, perfino dai propri stessi appartenenti, una società profondamente litigiosa, intrinsecamente ideologizzata, e incapace di adottare un atteggiamento costruens ma ben preparata su quello destruens. Qualsiasi passaggio sui social network può testimoniarlo facilmente, nei modi vari per attaccare l’avversario, sputtanarlo, dimostrare il più classico degli sport italioti: “io ho ragione, tu hai torto”. E se magari la ragione c’è (non sia mai che qualcuno affermi che la verità non sta mai tutta da una parte, peraltro) è ancora peggio!  Indice e simbolo di una incapacità di accettare ed accogliere le differenze e ancor di più di trovare dei punti di accordo e di confronto (famosi quelli costruttivi, spesso citati e quasi mai applicati)..

Insomma invece di darcele di santa ragione ed essere pronti alla morte, oggi preferisco sentire dei bambini cantare di “esser pronti alla vita”…

– Originally posted on lucianogiustini.org –  See more at: http://www.lucianogiustini.org/blog/archives/2015/05/ma_a_me_siam_pronti_alla_vita_e_pia.shtml

Perché il sito del Nuovo Centro Destra è così scialbo?

Coincidenze, chiaro. Non si concluderà certo qualcosa del Nuovo Centro Destra da queste piccolezze. Ma non riesco a non notare che il sito ufficiale del NCD (www.nuovocentrodestra.it) sembra raffazzonato alle bell’e meglio, con una pagina che un qualsiasi webmaster con un minimo di esperienza saprebbe fare meglio e, soprattutto, che non è stato chiaramente revisionato da nessuno prima di andare online: il titolo della Homepage è “Site is Offline” e la mappa Google è tagliata. Per dire delle magagne maggiori.

Se io fossi sindaco

Appunti, note e suggerimenti per un candidato al Campidoglio (diverso da Alemanno).

campidoglio-roma-nuovo-statuto-620x350.jpg

Il 26 e il 27 maggio si vota per le comunali a Roma.

Ecco tutte le liste e i candidati, per chi fosse interessato: si va da Repubblica Romana a Militia Christi, 22 candidati alla poltrona di sindaco, ma sostanzialmente sono tre i “big” in lista (più un quarto incomodo): Ignazio Marino, per il PD, Gianni Alemanno, per il PDL, sindaco uscente, Alfio Marchini, outsider rappresentante il centro, e Marcello de Vito, del Movimento 5 stelle.

Come si evince dal titolo, non voterò Alemanno, perché non lo ritengo adatto al governo della città, nonostante l’invito di molti amici che – a mio avviso erroneamente – puntano a farne una battaglia ideologica o addirittura religiosa. L’amministrazione di questi  anni ha, invece, profondamente deluso su molteplici aspetti, e su questo i miei amici sanno che non faccio sconti. Non mi soffermerò sugli aspetti più discussi della sua amministrazione, da quello sulla criminalità nella Capitale alla polemica sulle assunzioni facili (la cosiddetta Parentopoli capitolina), o più peculiari come la nevicata a Roma del 2012 di cui ancora si parla, o come l’idea di abbattere il gigantesco quartiere di Tor Bella Monaca per ricostruirlo (…), o ancora come il deprimente abbandono del bikesharing (diffuso capillarmente in qualsiasi grande città d’Europa). C’è davvero una letteratura sterminata sulle cose fatte e non fatte (o dette e non dette) a Roma in questi anni: si può far riferimento agli innumerevoli articoli che si trovano sulla rete, o la puntata di Report per le questioni più critiche, intitolata “Romanzo capitale” (che non ha mancato di sortire il relativo strascico polemico).

Non è una questione personale, tutt’altro. Stimo la persona e non ho problemi a dire che nel 2008 l’ho anche votato, perché unica alternativa credibile all’evanescente Rutelli (uno che – tra le altre cose – aveva fatto costruire l’inutilissimo e dannoso tunnel stradale sotto il Gianicolo, quello di Cavalleggeri, e che invece di fluidificare il traffico a Castel S. Angelo, è stato capace di inventarsi un’incredibile contorsione viabile di cui ancora oggi paghiamo i costi). Mi dispiace, ripeto, per gli amici che sostengono la candidatura di Alemanno, così come la richiesta di una “fiducia in bianco”: personalmente ritengo che sia ora di voltare pagina.

Prima di elencare alcuni punti per  un candidato sindaco, mi piacerebbe però fare una piccola premessa sul peggioramento di un aspetto a mio avviso importante, forse più di quello che sembra, e mi riferisco al degrado urbano. La situazione in cui volge Roma è tremenda. Negli ultimi anni sono peggiorati molti aspetti fondamentali della Capitale ma il degrado urbano è aumentato a livelli inimmaginabili per una metropoli di stampo europeo, come più volte sottolineato anche dalla stampa (sia nostrana sia soprattutto estera). Una delle cause principali è da ricercarsi nell’abusivismo, esploso negli ultimi anni, con il devastante impatto provocato dalla deregulation avviata nel 2009 con una scriteriata delibera (la 37) che, pur proponendosi di gestire una serie di settori difficili, ha lasciato campo aperto alle varie camarille operanti nella città, che hanno approfittato del caos per conquistare spazi e gettarsi nell’illegalità.

Tutto l’aspetto dell’educazione civica di Roma e del rispetto delle regole, pilastro fondamentale per la buona fruizione di una città e storicamente punto debole della Capitale, è andato a farsi benedire, caduto sotto i colpi inferti da una serie di scelte sbagliate. Ne hanno approfittato un po’ tutti, dalle ditte e  società abusive ai ristoranti, dalle affissioni pubblicitarie dei maxi-cartelloni sulle strutture stradali, dai camion bar ai pullman, in un crescendo che ha trasformato e sfigurato quasi tutti i quartieri di Roma. Questa trasformazione in “brutto” ha certamente consolidato una tendenza al lassismo ed alla mancanza di controlli che ha finito per peggiorare ancora di più, se possibile, le cose.

Per la precisione, una delle componenti dell’abusivismo più odiosa e capillare è costituita dalla cosiddetta “cartellopoli”, una vera e propria mafia – com’è stata definita dallo stesso sindaco Alemanno, che si fa beffe del Campidoglio. Il “degrado delle regole” da questa portato è stato ben documentato da una serie di siti web: il primo storico sito è stato Cartellopoli, (da cui il nome), ma iniziative dei cittadini e delle associazioni indignate per il diffondersi del malaffare si sono moltiplicate nel tempo da Cittadinanzattiva, a Bastacartelloni, da Degrado Esquilino, a RiprendiamociRoma, solo per citarne alcune.

Il problema della sicurezza è il più importante, subito prima del problema del “Brutto”. Il decuplicarsi di cartelloni in zone vietatissime da multipli articoli del Codice della strada (oltre che dal buon senso) ha prodotto in questi anni un numero elevatissimo di incidenti stradali, dovuti a varie concause, tutte legate alla pratica abusivista: cartelloni che coprono i semafori, cartelloni che coprono la segnaletica, cartelloni che coprono la visuale, che coprono i pedoni, che coprono gli incroci, e via dicendo, in un florilegio di illegalità che lascia sconcertati anche i più distratti. Basta farsi un giro per uno qualsiasi dei blog suddetti per farsene un’idea.

>> Continua a leggere su Lucianogiustini.org

Vota Antonio

L’altra sera ero in macchina con un mio amico, si parlava di politica, e lui proclamava l’intenzione di voto per la tornata elettorale prossima ventura: “Io voterò a sinistra” escalamava con evidente intento di provocazione, conoscendo la persona (di idee cattoliche, quindi tendenzialmente centro-destriche). Ohibò, mi son detto, perché immaginavo che avesse opposto parere contrario, avrà avuto le sue ragioni per una decisione così strana, ma non ho resistito a lungo, ed ho chiesto: “Perché?”. Lui, che evidentemente aveva già preparato la risposta, ha detto “Per non vedere più Berlusconi! Non ce la faccio più”
Come dargli torto…purtroppo.
Ho così preparato anche un’eventuale controrisposta a chi volesse votare a destra: non so voi ma io (già) non ce la faccio più a vedere Pecoraro Scanio e soprattutto Boselli… :( Questa vasta schiera che brulica nel centro sinistra di personaggi che hanno un odio quasi militare verso la Chiesa, verso i cattolici, verso i valori ed i principi che evidentemente a loro devono risultare così insultanti dell’intelligenza umana da non riuscire neanche a capirli (sti valori).
E di cui ben presto la coalizione ne diventa ostaggio.