Addio Italia (.it)

Se non ci fossero temi più seri su cui piangere, ci sarebbe questa notizia della chiusura del portale da 40 e passa milioni di euro creato un anno fa (un anno!) per “lanciare” l’immagine dell’Italia all’estero. Altro che i portali dei tempi di Caltanet, Jumpy, etc.
Credo che comunque l’intento sia riuscito. L’idea che diamo all’estero mi sembra sempre più aderente alla realtà.

Italiano vero

Finalmente è partito il costoso Italia.it, progetto in tremendo ritardo ma assolutamente essenziale per l’immagine di qualsiasi paese moderno. Ad un primissimo esame mi sembra ben fatto, l’interfaccia è elegante ed il sito è ben navigabile (skippati gli intro, certo): due requisiti essenziali per un progetto di questo tipo. Subito dopo vengono numero e qualità delle informazioni, ma su questo ancora non mi posso esprimere. Ci sono già cose che comunque non funzionano, in perfetto stile italiano, purtroppo. E che fastidio quei flash delle immagini in movimento che…tremano!
update
C’è già un blog che esamina tutti gli errori fatti.