Io sto con Gian Antonio Stella

Dilbert-20060727.gif

Leggendo il post di Leonardo sull’Unità a proposito dell’editoriale di Gian Antonio Stella “Il lato oscuro della rete(il Web invaso da minacce ed insulti), pubblicato sul Corriere il 15 dicembre scorso, ho l’impressione che a Leonardo Tondelli, che si chiede “come mai” questo editoriale, sfugga un dato essenziale.

Le parole citate e originate da Stella sono cose ovvie tipo “il lato oscuro del web «è popolato da indivi­dui e gruppi che, pur
nella diversità di accenti e idio­mi utilizzati, parlano tutti, salvo
qualche rara ma im­portante eccezione, il lin­guaggio della violenza,
del­la sopraffazione, dell’an­nientamento»
. Cose che abbiamo sperimentato tutti nella navigazione su Internet, senza che per questo, altrettanto ovviamente, ci sia venuto in mente che tutta Internet sia così. Ripeto: c’è però un dato essenziale che sta sfuggendo, a causa della difettosità dell’osservatore che non riesce ad osservare una realtà che è dentro di lui.

L’escalation di Leonardo, forse l’insegnante-blogger più famoso della blogosfera italiana, è cominciata molto tempo fa. Aveva doti di equlibrio e di una certa ironia: ero un suo grande estimatore, e pur non condividendo alcune sue posizioni, leggevo con
interesse il suo squisito ragionare provocatorio e filologico.

Poi ho avuto la netta sensazione che fomentasse l’odio ed il rancore che portava
dentro di
sé, e mi è parsa una lenta derìva del suo pensiero “anti”: prima
contro il governo, e fin lì si poteva ancora tollerare perché esprimeva una rabbia di sottofondo, poi
contro la chiesa, e da lì ho iniziato ad avere dei sospetti. Fino a che
non mi ha detto, in una lunga discussione che mi ha allontanato da lui
e dalle sue idee, che era “certo” che i
vescovi fossero contrari alla pillola abortiva (la “Ru486”) perché
volevano tornare
alle mammane ed agli aborti clandestini, che i preti volevano solo
rendere più difficile l’aborto per far soffrire i non credenti……..

Ecco, lì mi sono reso conto che le “posizioni estreme” erano arrivate.

Al netto dell’inevitabile strumentallizzazione che si fa della difficile situazione politica odierna (leggi: “adesso che c’è tanto odio possiamo finalmente prendercela con Facebook”), e fatta la tara anche alle osservazioni di Stella che riguardano la parte meno nobile della rete, il dato essenziale è che il “Web di minacce ed insulti” non viene soltanto da chi quelle minacce e quegli insulti li scrive in modo gergale e diretto, cafone e senza filtri, ma anche da chi ha gli strumenti, lo stile, e le capacità tecniche e culturali per fare attacchi precisi, motivati ed altamente filosofici, potenzialmente ascoltati da coloro i quali possono aggiungere riferimenti ben precisi al sostegno del pensiero debole (o deboluccio), al loro agire politico, alla loro vita imbevuta di ideologie: in una parola rischiano di trasformarsi in “cattivi maestri” (termine abusatissimo ma nel caso specifico mi riferisco all’aura di maestrini della nostra blogosfera, non agli anni di piombo) per “bambini” dell’informazione libera. Non siamo capaci di usare uno strumento così potente ed efficace per scopi un po’ più alti, nobili, pacifici ed infine non contro-qualcosa ma per-qualcosa?



Leonardo non è certo il solo. Potrei citare decine di blogger famosi ma non vi è certo bisogno che lo faccia. Il fatto è che Gian Antonio Stella
osserva da fuori e vede il problema proprio perché guarda senza lenti
deformanti, al contrario di quello che ritiene chi anima questo tipo
di dibattito.
Molti blogger, infatti, argomentano ed insistono, producendo
il messaggio “contro”. Grazie alla fitta ragnatela dei social network
che riproduce all’infinito post e commenti, questa avversione contro la classe politica e poi contro la chiesa, cresce e diventa sempre più mefistofelica ed aggressiva mentre chi lo produce perde di vista che diventa egli stesso aggressore. Anzi, per corroborare questa autorialità si premia anche.

Il
passa-parola si diffonde nella blogosfera come un messaggio implicito
ed a tratti perfino inconsapevole: è così suadente, così convincente
che – si – è un messaggio che alla fine deve essere giusto.
Non importa se è così ossessivo, negativo o corrosivo: nessuno ci fa caso. E quando
un giornalista lo nota, si dice che è lui a non capire niente di
Internet, offrendo all’ideologia nichilista della rete il suo massimo
tributo.

Dunque a me sembra Leonardo che la risposta alla tua domanda sia nel tuo post. E non da ora.

8 pensieri su “Io sto con Gian Antonio Stella

  1. c’è un passaggio che fai che assomiglia ad un rigiramento di frittata.
    dici che bisogna stare attenti a chi scrive “minacce ed insulti avendo strumenti, stile e capacità tecniche e culturali” per motivare i propri attacchi.
    se si hanno le capacità culturali, per fare attacchi motivati, beh, non sono ‘attacchi’, ma critiche precise. la maggior parte delle volte vengono citati fatti, articoli di giornale, avvenimenti, e ne vengono tratte delle conclusioni utlizzando una certa logica. altri, con gli stessi fatti ma con una logica diversa, ottengono conclusioni diverse.
    insomma, a quel che sembra basta dire qualunque cosa contro un qualunque pensiero dominante per fomentare il clima di odio.
    parli della moltiplicazione dei messaggi sulla rete; ma allora perchè non si moltiplicano i messaggi, i post, dove si spiega che invece il governo sta lavorando bene, evitando di citare solo i numeri della propaganda ma facendo un lavoro di fino, disaggregando ad esempio i dati statistici, e dimostrando che i contestatori si sbagliano?

  2. Luciano

    Rolando, sul secondo aspetto non hai torto: il fatto è che tutto dipende da quale oggetto osservi sulla rete. La distribuzione infatti non è omogenea. Se noi osserviamo ad esempio i blog, il messaggio di fondo è “contro” il governo, però se osserviamo network dove prevale una maggiore omogeneità di presenza, ci sono tanti gruppi contro quanti gruppi a favore, dunque ritroviamo – con piccoli scostamenti – quella distribuzone che è palesata anche dal voto.
    Sul primo aspetto invece non mi trovo del tutto d’accordo, ma soltanto perché come sai i bravi e bravissimi scrittori riescono a dimostrare qualsiasi tesi, a partire da “fatti incontrovertibili”. Dunque il fatto in sé che ci sia un’unica verità leggendo i blog non mi dimostra affatto che quella sia “la” verità ma solo che è stata documentata bene :-). C’è chi è capace di documentare un’altra verità altrettanto bene, ovviamente, ma qui ricadiamo nel caso precedente.
    In fondo, tu mi stai dando ragione proprio su un fatto: siccome è molto più diffusa una certa linea di pensiero sull’altra, allora tu stesso ritieni che quella linea di pensiero sia “critica precisa citando fatti e avvenimenti” dunque vera, mentre l’altra, meno presente, sia falsa.

  3. quindi a favore del governo non c’è nè un bravo nè tantomeno un bravissimo scrittore.
    mi pare una argomentazione piuttosto debole: io ho ragione ma non sono capace di esprimerla, tu hai torto ma sei più bravo di me a parlare (o viceversa, beninteso).
    forse mi sono spiegato male, ma io non dico che ritengo una linea di pensiero vera o falsa in funzione del ranking.
    dico semplicemente che tranne quelli istituzionali, che non contano nè in un verso nè nell’altro, non ho visto molti siti e blog che raccontano come le cose siano migliorate da questa o quella azione di governo, nazionale o locale.
    leggo ad esempio le cronache su La Padania, e mi rendo conto che se si dovesse chiudere un sito quello sarebbe uno dei primi. leggo le dichiarazioni di alcuni sindaci, e forse i primi fomentatori sono loro. rimango stupito che un ministro della repubblica dica di voler filtrare la rete come avviene in Cina o a Cuba.
    e poi, i fatti se sono stati documentati bene significa che c’è stato un buon lavoro, di reperimento delle fonti, di analisi, e sopratutto di dibattito. se vengono fuori altri fatti che possono modificare le conclusioni, bene, le conclusioni si cambiano.
    in un blog, questo, quello di altri, si risponde esprimendo le proprie ragioni. poi alla fine si rimane della stessa idea per carità, il che è per fortuna più che lecito. solo che magari si diventa più critici nelle proprie convinzioni, e si riesce a guardare in modo più obiettivo alle proprie idee.
    ed è questo, a quel che sembra, che si vuol fare: mettere l’ovatta alle critiche e dimostrare quindi che va tutto bene. un po’ quel che dici tu: diminuire il numero di contestatori significa che non c’è niente d contestare.

  4. Luciano

    E’ senz’altro un fatto di equilibri. Diciamo che, nella sostanza, è questo che volevo sottolineare nel post e lo riprendo anche qui a risposta del tuo commento. Il fatto che non ci sia equilibrio da una parte non giustifica la sua mancanza dall’altra, è ovvio. Ma neanche che ci dobbioamo assuefare a questo tipo di linea editoriale dei blog. Di bravi scrittori che difendono le cose buone del governo ce ne sono (basta cercarli) ma non ne citerò neanche uno qui perché non è mia intenzione fare pubblicità ne a tali blog nè tantomeno al governo: non è questo lo scopo del post (nè del mio pensiero in generale). Non sto facendo, nè vorrei che passasse per tale, un discorso politico, ma soltanto di come viene percepito un dialogo da chi lo produce da una parte e da chi lo osserva, lo legge e lo fruisce dall’altra.
    E in fondo fammi dire anche un’altra cosa: il male, la critica, lo spregio, fa sempre più notizia del bene. Non è così anche sui quotidiani? Dunque perché meravigliarsi che la critica, l’attacco, l’insulto non siano così amorevolmente difesi anche su Internet..
    Un tempo ero iscritto ad una newsletter che si chiamava “Buone nuove”. Pubblica sempre di meno, eppure quanto ci sarebbe bisogno di tali letture. (Ribadisco, a scanso di equivoci, che erano notizie che di politico avevano nulla, erano di eventi nel mondo di tutte le categorie).
    Un saluto.

  5. Ciao Luciano, come sai, sono da sempre convinto, e mi sto persuadendo sempre più, che occorre essere presenti sulla Rete proprio per “costruire positivo” nell’ambito del mezzo di comunicazione più potente che attualmente esista.
    Ragionevolezza, immedesimazione negli altri, capacità di ascolto senza pregiudizi, realismo sono le caratteristiche che devono animare chi vuole portare un contributo costruttivo sulla Rete.
    Ma occorre anche saperci essere ed essere in grado di comunicare con uno stile che sia sobrio, semplice (non semplicistico), possibilmente in grado di “sorprendere” il lettore, di catturare la sua emotività.
    Non è semplice, il modo più rapido di “bucare” è quello di “essere contro”, perché suscita simpatie o antipatie, impone sostegni o repliche e controrepliche.
    Dobbiamo imparare a “bucare” usando strumenti costruttivi (titoli paradossali, parole nuove ma comprensibili, ironia non offensiva).
    E’ una strada impervia, ma occorre percorrerla.
    Con amicizia, un abbraccio
    Giuseppe Sbardella

  6. Luciano

    Caro Giuseppe, nonostante tutte le precauzioni doverose e necessarie nel non fare alcun paragone tra queste situazioni e gli anni cd. di piombo (’70 e ’80), è indubbio che attualmente su Internet si è sviluppata una linea editoriale condotta da alcuni protagonisti, che nel bene e nel male condiucono una “battaglia” che loro ritengono giusta.
    Dunque questo impianto è di “decostruire”, o costruire in negativo, cioè di fatto dare ai loro lettori gli strumenti necessari per attaccare il governo e la Chiesa con una motivazione ben calibrata: la loro. Costruire in positivo non è facile, primo perché si viene attaccati (vedi ad es., ma non solo, i casi delle unioni omosessuali: se si scrive su un social network come Friendfeed quello che si pensa e che è basato su dati scientifici, si viene attaccati come se si scrivessero fandonie), poi perché la massa segue gli opinion-leader, da sempre. E attualmente la leadership è del pensiero debole e materialista-ateo, come noto. :)
    Peraltro c’è anche un altro aspetto che non ho toccato, per non allungare il brodo, ma che da solo avrebbe forse meritato un altro post: il blogger dell’articolo citato, Leonardo, se la prende con i commentatori dei quotidiani trattandoli come “cittadini della rete” di serie B. Naturalmente, lui considera come di serie “A” soltanto quelli che scrivono sui blog e, mi pare di intuire, che la pensano come lui. Se è questo il riferimento dell’autore, c’è veramente poco da stare allegri sul versante “dialogo e confronto”. :)
    Antonello, un caro saluto e bentornato :)

  7. I commenti sull’Unità non li controllo io. Però, Luciano, secondo me questa cosa che prima ero tanto equilibrato e adesso mi fomento l’odio contro la chiesa è un’esagerazione.
    A me sembra di essere sempre stato critico nei confronti della chiesa su alcuni aspetti, che col pontificato Ratzinger sono perfino peggiorati. Tutto qui, e l’odio è un’altra cosa.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...