I furbetti delle automobiline

Il fatto che le amministrazioni statali si siano pian piano messe su Internet, ha portato alcuni benefici, tra questi sicuramente il fatto che ogni cittadino può consultare documenti ufficiali in modo semplice (basta pensare alla gazzetta ufficiale, oggi su Internet senza problemi, ma un tempo non era esattamente così).
D’altro canto, questo consente anche di imbattersi in documenti e quantomeno di venire a sapere cose che sarebbero altrimenti relegate agli addetti ai lavori.
Come ricorderete, a gennaio di quest’anno fu segnalata dalla stampa e alcune riviste specializzate (ad esempio Allaguida) una sorta di mini-scandalo sul fatto che la Regione Veneto avesse effettuato un bando per il rinnovo del parco auto della Giunta Regionale indicando le caratteristiche delle auto in modo che risultassero “validi” di fatto solo precisi modelli di alta cilindrata di noti marchi tedeschi.
A suo tempo approfondii la cosa sul sito ufficiale ma oggi questa pagina non esiste più, anche se c’è ancora la delibera del bando di gara. In compenso sono stati pubblicati due / comunicati che tentavano di spiegare perché la Regione avesse deciso così e in che modalità si svolgeva il tutto.
Non so che esiti abbia avuto quel bando di gara, e mi piacerebbe saperlo (qualcuno ha info?). Comunque, qualche considerazione di origine tecnico-automobilistica è sempre possibile farla.
Ancora molto interessante è infatti il Capitolato, tuttora in rete, che indica le specifiche che le auto devono avere:
ART. 2 – CARATTERISTICHE DI FORNITURA
Gli autoveicoli di cui si chiede la fornitura in noleggio dovranno avere, a pena di esclusione dalla gara, le seguenti caratteristiche tecniche di minima e le dotazioni accessorie di seguito indicate. I veicoli dovranno essere conformi alle norme EURO4 ed equipaggiate con filtro antiparticolato.
Caratteristiche tecniche
– tipologia: berlina 3 volumi, 4 porte;
– alimentazione diesel;
– trazione: integrale;
– numero posti: 5 (cinque);
– potenza non inferiore a 140 Kw;
– cilindrata: 3.000 c.c. circa
– lunghezza non inferiore a 480 cm.;
– larghezza non inferiore a 180 cm. (riferita alla vettura senza retrovisori);
– passo non inferiore a 280 cm.
Allestimenti obbligatori
– airbag lato guida e lato passeggero;
– airbag laterali anteriori e posteriori;
– ABS;
– freni a disco su ruote anteriori/posteriori;
– cambio automatico (minimo 5 marce);
– immobilizzatore;
– pretensionatore cinture;
– retrovisori elettrici;
– servosterzo;
– alzacristalli elettrici anteriori e posteriori;
– chiusura centralizzata;
– volante regolabile in altezza e profondità;
– poggiatesta anteriori e posteriori;
– controllo elettronico stabilità;
– controllo elettronico trazione;
– fendinebbia;
– autoradio;
– antifurto;
– navigatore satellitare;
– selleria in pelle;
– climatizzatore automatico;
– sensori di parcheggio;
– presa accendisigari posti posteriori;
– cristalli laterali e lunotti scuri;
– luce di lettura anteriore e posteriore;
– bracciolo anteriore e posteriore;
– vernice metallizzata;
– tendina parasole lunotto posteriore;
– segnalatore mobile di sicurezza conforme CE
– tappetini.
Insomma, le povere Lancia Thesis turbodiesel che scarrozzano i Consiglieri sono considerate delle nullità al confronto…
Che direbbe il ministro Padoa-Schioppa, così attento ad evitare gli sprechi, se sapesse che una Regione ha deciso che per il 2007-2009 devono essere comprate n macchine di almeno 3000 di cilindrata con potenza non inferiore a 200 Cv, a trazione integrale, e dotate di tutti gli optional immaginabili su un auto di lusso di questo genere?
Tutti optional utilissimi? La Regione tramite i comunicati fa sapere che si tratta di optional inerenti perlopiù la sicurezza, poi il comfort e la qualità della vita a bordo di auto che devono compiere moltissimi chilometri, che non sono “auto blu” ma auto di servizio, anche se non mi è chiarissima la abissale differenza.
Ma, al di là degli optional, è appena il caso di sottolineare che le auto a listino nel primo semestre di quest’anno con tutte le caratteristiche descritte sopra, sono solo due:
AUDI A8 4.2 V8 TDI quattro tiptronic (la più “piccola” A6 3.0 V6 TDI rientrerebbe nelle specifiche, tranne che non c’è automatica…)
Mercedes Classe S 420 CDI 4Matic EVO Elegance (la più piccola classe E rientrebbe ma non raggiunge per un soffio i 3000cc…, anche se quel “circa” nelle specifiche potrebbe far pendere l’ago della bilancia verso la scelta minore, forse)
Ci sarebbe anche l’ottima BMW 530 XD Attiva, ad esempio, ma non rientra nelle specifiche perché la BMW non ha a listino auto a trazione integrale E cambio automatico.
In pratica, le ammiraglie delle rispettive Case Audi e Mercedes.
Curioso notare che sono solo due su migliaia di modelli…
Infine: nessuna auto italiana? Nessuna auto italiana.