Il falso video BBC e cosa dice davvero la Crimen sollicitationis

Tutti quelli con un minimo di buona volontà che hanno visto e continuano a vedere il video BBC “Sex crimes and the Vatican” pensano disgustati “non può essere vero”. Infatti non è vero. Quel video è un falso, dall’inizio alla fine. A dimostrarlo ci han già pensato in tanti, ma purtroppo non basta.
Giova quindi ribadire e ricordare ancora una volta le cose. Adotterò uno stile che è abbastanza congeniale e comodo per me: un elenco di punti, massima brevità, cercando di essere il più chiaro possibile. Peraltro il compito mi è semplificato dalla mole di materiale che è già reperibile in rete.
Il falso si dipana in due mosse: prima il falso contenuto, poi la falsa forma. Il video si basa sul documento Crimen sollicitationis, ed è girato in modo da far credere allo spettatore alcune cose che non sono vere. Ad esempio si parte facendo credere che si è in Tribunale e che le domande al prete pedofilo O’Grady siano fatte da un Pubblico ministero, ma non è vero, sono invece le riprese di un film in cui O’Grady è stato pagato; si parla dell’intervista ad un ex-teologo pontificio, che invece ha dichiarato di aver detto cose diverse. E così via: la confutazione, frase per frase, di tutto il video sarà oggetto del mio prossimo post. Il tutto, in Italia, condito con dialoghi italiani falsati inseriti da Bispensiero che, ad esempio, fa terminare la domanda al prete pedofilo “Cosa è successo dopo?” con un “Niente”, che non è vero doppiamente: perché la frase nel video originale non corrisponde a verità, e perché Bispensiero ha anche tradotto in modo sbagliato l’originale in inglese, e non solo in questo ma in moltissimi altri passaggi, sempre in pejus.
L’effetto del falso video è dirompente perché il tema trattato è scandaloso e fa giustamente rabbrividire, mentre l’accusa rivolta contro la Chiesa si basa su una doppia presunta credibilità: da un lato perché si tratta di preti pedofili (il che è verissimo, sono loro e nessun altro) dall’altro perché proviene dalla BBC, quindi non è un romanzo come ad esempio Il Codice Da Vinci, ma un network giornalistico tra i primi al mondo. L’obiettivo editoriale del video, infine, è chiaro e falso: si sostiene che una delibera dell’Autorità centrale ecclesiastica ordinava ed ordina ai preti di mantenere la copertura di tali nefandezze, il che è l’esatto contrario di quello che dice la direttiva stessa. Quindi è una montatura ordita ai danni della Chiesa, ma per dimostrarlo ci vuole approfondimento: in questo post mi limiterò, come dicevo, a toccare i punti principali del falso, mettendo insieme i vari elementi, riassunti in uno schema obiezione-risposta. Qui si trova un utile elenco di articoli, documenti e post che spiegano meglio tutto questo.
1) La Crimen sollicitationis prescrive di mantenere il segreto sui casi di pedofilia ed è stata valida perlomeno fino al 2001.
Falso. La Crimen sollicitationis dice che appena il vescovo diocesano ha notizia della pedofilia deve istruire un processo canonico, discutere ed arrivare ad una sentenza nel più breve tempo possibile (quamtempum).
La Crimen sollicitationis è stata promulgata nel 1962 ed ha perso gradatamente validità dopo il 1983 per la riforma del Diritto Canonico Occidentale e, nel 1990, delle Chiese orientali. Alcuni delitti più gravi sono stati derubricati, e sono stati ripresi con la De Delictis Gravioribus di Ratzinger. Tra il 1983 e il 2001 c’è stata una sorta di vacatio legis su alcune questioni nella quale l’autorità locale inglese ed americana, invitata ad applicare il nuovo Codice di Diritto Canonico, ha invece compiuto una serie di errori anche gravi e di scelte autonome dovute alla differenza del diritto anglosassone (vedi oltre).
Paradossalmente se avessero seguito veramente la Crimen sollicitationis questo non sarebbe successo. Si guardi anche questo chiarimento sull’istruzione stessa, e la discussione su Wikipedia.
2) Nella Crimen sollicitationis si fa più volte riferimento al “secretum” del Sant’Uffizio.
Falso. Questo è dovuto alla mancanza di informazione sulla terminologia ecclesiastica (che alcuni suppongono sia stato frainteso in buona fede dalla BBC, ma io no): non è segreto, ma riservato. La Crimen sollicitationis era un’istruzione riservata ai vescovi. Se io superiore mando una direttiva aziendale a te dipendente non credo che tu vai in giro a farla vedere a tutti i clienti. Ovvio, la metafora non è adatta, ma se la Crimen Sollicitationis serviva per spiegare ai vescovi come comportarsi nei casi descritti nel documento (e infatti nel documentario si vede bene “confidential” e non “top secret”) non vedo in che modo la cosa potesse interessare ai preti o ai fedeli (anche perché sarebbe come far vedere le metodologie d’azione della polizia a tutti, quindi compresi possibili criminali).
Le istruzioni erano per il clero dal clero, per lo svolgimento del processo. Questa consegna di riservatezza riguardava soltantro i membri del clero che sono attori nel processo. Il più delle volte anche il presunto prete pedofilo non sapeva di essere sotto processo.
3) Nel rinnovare le norme si è protratto lo stato di omertà e di copertura dei pedofili.
Falso. Bertone in un’intervista ha riaffermato che “Con le vecchie norme si poteva parlare di pedofilia se un chierico aveva un comportamento delittuoso di questo genere con un minore di 16 anni. Ora questo limite di età è stato innalzato a 18 anni. Poi per questo tipo di delitto abbiamo prolungato la prescrizione a 10 anni e abbiamo stabilito che scatti a partire dal compimento dei 18 anni della vittima a prescindere da quando abbia subito l’abuso”.
Nella stessa afferma poi: “C’era soprattutto nel passato – ma a volte c’è ancora oggi – il rischio di una trascuratezza, di una minore attenzione alla gravità del problema da parte delle diocesi. Poi c’è anche la necessità di un maggiore raccordo tra Chiese locali e il centro della Chiesa universale, di un maggior coordinamento, di un atteggiamento che sia omogeneo da parte delle Chiese locali pur rispettando la diversità delle situazioni e delle persone.”
4) I vescovi Usa pagavano per non far scoppiare lo scandalo.
Falso. Poiché il diritto anglosassone è completamente diverso, lì è possibile un accordo tra gli avvocati per un patteggiamento prima ancora di andare in tribunale, cosa impensabile nel diritto latino.
L’istruzione Crimen sollecitationis è stata parzialmente riveduta nel 2001 dalla Congregazione per la dottrina della fede, con la lettera De delictis gravioribus, anche e proprio per ridurre questo tipo di procedure.
5) Si veniva scomunicati se si denunciava ai superiori il caso di pedofilia
L’esatto contrario: la scomunica incorre se non si denuncia il caso di pedofilia. Il cap. “De inquisizione” recita che avuta la prima denuncia (all’autorita’ ecclesiastica) è obbligo istruire la causa (sempre da parte del vescovo) entro brevissimo tempo. Al capitolo 18 inoltre: “In verità il fedele che consapevolmente omette di denunciare entro un mese colui, dal quale è stato istigato, contro la norma del canone 904 (sopraccitato), incorre nella scomunica latae sententiae (cioè automatica) non riservata ad alcuno (appunto perché automatica), non dovendo essere assolto se non dopo aver adempiuto al suo obbligo di denuncia o se non avrà promesso seriamente di adempierlo (Can. 2368, § 2).
6) C’era obbligo di segretezza e di non denunciare alla giustizia civile il caso di pedofilia
Falso. Nel video si sostiene che la vittima, il prete incriminato e i testimoni sono obbligati al segreto, cioè dopo che vanno davanti al tribunale vescovile gli veniva obbligato di non dire niente a nessuno sotto pena di scomunica. Cioè di non poter andare dal giudice: In realtà, come recita il Par. 11, l’ordine di segretezza pena la scomunica riguarda solo ed escluviamente le persone che
“a vario titolo entrano a far parte del tribunale o che per il compito che svolgono siano ammessi a venire a conoscenza dei fatti sono strettamente tenuti al più stretto segreto” cioe’ i giudici o comunque persone che per il proprio lavoro hanno a che fare col processo canonico.

4 pensieri su “Il falso video BBC e cosa dice davvero la Crimen sollicitationis

  1. Corisenda

    Ma ti pare che se avessero avuto qualcosa di reale e, soprattutto, incontrovertibilmente provato sui crimini sessuali del clero cattolico, l’avrebbero mandato in onda???
    Credo che tutti, preti, giornalisti, politici, industriali, massoni, baroni universitari, siano sufficientemente furbi da coprire i loro scandali, se ne hanno, per non darsi in pasto ai Santoro o Belpietro di turno.

  2. eretico

    Mah.. io penso che la verità stia sempre nel mezzo. In fondo la natura è la natura e se un prete passa 20 anni della sua vita ad andare avanti a polluzioni notturne qualche attacco perverso gli viene di sicuro! E non tirate fuori le solite storie della fede in dio che può fare di tutto. Illusi, toglietevi il paraocchi e non fate il lavaggio del cervello ai vostri figli. La religione è morta e Dio con lei.

  3. Don Raffaele Celentano

    Sembra quasi di ascoltare un disco (quelli di una volta) rotto, che ripete monotonamente le stesse cose, senza riuscire ad andare avanti. Ho provato a fare una ricerca con Google sul tema Crimen sollicitationis e ne ho ricavato oltre cinquanta pagine di link che nella stragrande maggioranza dei casi ripetevano pappagallescamente le cose che altrove (per esempio qui) sono state abbondantemente smentite. Una delle cose che mi ha colpito di più è che si continui a dire che la CS doveva imporre la denunzia alle autorità civili.
    Questa è idiozia pura: vuol dire che non hanno nemmeno riflettuto per un attimo su ciò che hanno letto (se davvero l’hanno letto) della CS: eppure bastava soffermarsi un po’ (avendo connesso il cervello) sul solo n. 1 del documento…
    Il crimine di sollecitazione è quello che viene commesso dal prete che, in circostanze comunque connesse con la confessione, istiga il penitente a commettere con lui un peccato contro il sesto comandamento. Tutto quello che segue, fino al n. 70 fa riferimento solo a questo. A nessuno di quei signori è venuto in mente che questo crimine (un prete che ha un rapporto sessuale con una donna) non ha nessuna rilevanza nell’ordinamento giudiziario (a meno che non vi sia violenza)? Che senso avrebbe avuto che la CS dicesse: la vittima e chiunque venga a conoscenza del crimine lo deve denunziare al giudice penale. Sai le risate che si sarebbero fatti i carabinieri (o chi per loro) di fronte ad una simile denuncia?
    E sempre in argomento: l’insistenza sulla segretezza del procedimento. Se una donna vittima di un prete del genere pensasse che con una sua denuncia rischierebbe molto facilmente di essere esposta alla vergogna pubblica, guadagnandosi magari l’etichetta di “amante del prete”, perché il procedimento non è tutelato da alcuna riservatezza, non preferirebbe tenersi per sé la sua triste esperienza? E se il prete in questione non venisse trasferito subito altrove, a quali rischi sarebbe esposta la vittima ed eventuali altre donne?
    Temo davvero che il computer ci abbia abituati a parlare senza prima aver connesso il cervello, il quale sembra ormai ridotto ad una funzione puramente materiale: tenere separate le orecchie!
    Chiedo scusa se ho usato qualche espressione che può suonare poco “amorevole”.

  4. Luciano Giustini

    Don Celentano non potevi essere più chiaro, e sull’amorevole, non posso che stare dalla tua parte: purtroppo di fronte a tanta idiozia è ben difficile restarsene in disparte e non reagire!
    Sul fatto che si stanno moltiplicando i blog che ripetono tutti uno stesso messaggio, ne ho parlato anche in un mio post del 1 luglio. E’ molto strano e molto sordido…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...