:-(

Beh. Odio doverlo dire, perché per una volta volevo essere bravo, quello ottimista, cercare di superare tutti i vari problemi che da due anni a questa parte sembrano arrivare da ogni dove. Ma nonostante tutti gli sforzi…niente. Oggi altra conferma.
Ebbene, questo è proprio il periodo peggiore della mia vita. Lo scrivo così, giusto per segnarlo, niente di speciale.
Ci sono stati però momenti molto felici in questi due anni, oltre a tanti dolori. Momenti così intensi da farmi sentire felice nonostante il pensiero di non poterli vivere successivamente mi uccida di nuovo (e questo è il pessimismo del realista: pensare che non li ritroverò, oppure evitarli, per non stare male di nuovo, in un loop senza fine).
Però quando la sorte, o chi per lei, si accanisce e coinvolge tante tante cose che potrebbero essere belle ma invece va tutto male, in tutti i settori… Beh uno ha anche un po’ il diritto di essere depresso. Magari un po’ incazzato, ma prim’ancora depresso. Perché, l’incazzatura passa, in fondo siamo nati per soffrire e ci riusciamo benissimo. Ma la rinuncia a qualcosa per cui avevi combattutto duramente, quella ti fa stare male. Non un giorno solo, purtroppo. Dura mesi, fa danni dentro, e poi è dura da affrontare dopo. E poi dopo quella arriva l’altra batosta, quella che ti sacrifichi e tieni duro e poi alla fine va male. E non è finita, in tutto questo ci si mette anche la testa (e non solo quella), che ti fa stare peggio…
E’ quella relazione tra la tua sofferenza e gli sforzi che fai per cercare di uscire fuori dalla trappola. E più ti sforzi e più sembra che qualcuno ti sfidi ad andare ancora più giù, come nelle sabbie mobili.
Ma da queste sabbie nessuna mano tesa a tirarti su.
Quindi rivalutate i momenti di felicità. Sono inebrianti, viveteli. Poi passano, e spesso velocemente. Spesso non ci si accorge di passare momenti bellissimi che non torneranno. Conosco molta gente che non sa di essere felice.
In un bel film (“Viaggio in Inghilterra”) una poetessa, protagonista, diceva al professore che non sapeva gestire le emozioni positive: “Vivi questa gioia. Perché il dolore di domani fa parte della felicità di oggi”. Beh, appunto in un post che dovrebbe parlare di cose tristi e di problemi, preferisco dire che le cose belle a volte ci sono, basta saperle guardare.
Buona vacanze per chi le fa. Io mi lecco un po’ le ferite, sperando che basti. Anche se so che non basterà.

Annunci

4 pensieri su “:-(

  1. lubro77

    Quanto hai ragione…
    “..non sa di essere felice ..”
    Ma anche il piu’ razionale degli uomini non riesce a risalire dal baratro anche se convinto in questa piccola, semplice frase.
    L’animo umano e’ tentato dall’autocommiserazione e la passivita’ porta alla depressione.
    Ci sono sempre momenti tristi.
    Ci sono sempre momenti felici.
    C’e’ sempre la possibilita’ di scegliere come affrontare la vita.

  2. diego

    capire il dolore é capire la vita e accettarla.Sono già sei giorni che ho perso mia moglie e non riesco ad accettare il dolore e capire la vita ma anche attraverso queste vostre esperienze cerco di trovare un senso e spero di poterlo davvero trovare.

  3. …Sono momenti così, tesoro. Un continuo alto e basso. a volte sembra che il nostro umore (e la nostra anima) si diverta a fare le montagne russe). Parlarne forse però può servire…Il mio indirizzo lo sai. :-*

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...