Come si muore di tumore in Campania

“Era il 31 agosto 2004, quando il dott. Alfredo Mazza, ricercatore in Fisiologia Clinica del CNR, riuscì a pubblicare sulla prestigiosa rivista “The Lancet Oncology” il suo studio, considerato agghiacciante da tutti gli oncologi anglosassoni. In Italia, invece, salvo qualche articoletto su “La Repubblica”, non ha avuto effetti agghiaccianti, soprattutto non ha avuto conseguenze a livello politico. Già, perchè in quel lavoro si parla di Italia, ed in particolare si dimostra, statistiche alla mano, come in un pezzo di provincia di Napoli, da Acerra a Nola e Marigliano, passando per Pomigliano d’Arco, si muore di cancro molto di più che nel resto d’Italia, anzi molto più che nel resto d’Europa.
L’elevata densità di popolazione, porta a quasi un milione di persone il conteggio di chi vive nell’area, di questo milione di persone, l’indice di mortalità per neoplasie al fegato si attesta al 35% per gli uomini ed al 20.5% per le donne, contro una media nazionale del 14%. Una vera e propria strage continua. Attenzione: 35% significa mortalità maggiore dell’infarto.”

Così il post “Come muore la mia terra (post incazzato nero)” scritto da Alex, che deve essere letto e, se possibile, meditato. Un post molto triste.

Annunci