Arkmode plus video

Le due cose non sono collegate. Ma alla fine di questo post trovate un video meraviglioso, che mi ha mandato un’amica, veramente interessante che consiglio a tutti.
Subito sotto, invece, ho l’orgoglio di citare per intero – dietro autorizzazione scritta che conservo gelosamente (che fa parte anch’essa dell’evento ma purtroppo non è pubblicabile) – l’ultimo post di Arkangel che è da antologia, uno dei migliori scaturiti dalla mente geniale di questa donna. Per blogger come lei non ci sono parole, solo silenziosa ammirazione e lettura (rigorosamente notturna).

Tabaccaio a me noto. I tre cecchini di Dj Francesco mi salutano calorosi.
Precedenti.
Mesi o anni fa entro precipitosa in difetto intenso di nicotina. Sul megaschermo del bar, Dj Francesco esibisce le sue particolari doti di pezzente, i tre nonni lo fissano compatti.
Dopo 30 secondi di terrore, a uno dei tre cade l’alfa senza filtro dalla bocca.
Il secondo si sposta i coglioni con aria severa. Il terzo proferisce in dialetto comasco “se lo vedo in giro, gli buco il cranio con la mia beretta del 45”
I tre cecchini di Dj Francesco mi offrono il solito bianchino che rifiuto cortesemente. Poi mi offrono un’alfa senza filtro che rifiuto cortesemente. Poi mi offrono un caffè lungo che rifiuto cortesemente. Poi li mando a cagare.
Ridono. Se avessero le gambe di un tempo, loro. Se ritornasse la memoria di una volta, loro. Se avessero la mia età, loro. mi inviterebbero alla balera.
Dagli spogliatoi esce il proprietario del bar con la maglietta del Milan. Non gli dico una parola, mi vede e si mette le mani in faccia.
“non ho le barclay”
Con l’espressione di chi ha appena tirato sotto un passante senza farlo apposta.
Un cecchino offre l’alfa.
Guardo Shevchenko e dico “pessimo” con l’espressione di chi ha appena tirato sotto un passante di proposito.
L’ultima spiaggia barclay è il baracchino vicino alla piazza.
Spengo il motore su un marciapiede davanti al cartello divieto di sosta, transito, movimento, corsa, galoppo. Un ragazzo alto, di colore, il classico tipo che potrebbe trovarti il plesso solare e ucciderti a distanza prende marlboro da dieci. Mentre infilo le monete mi fissa.
Mentre prendo il pacchetto mi fissa. Quando mi giro ha già l’accendino acceso da mezzora.
Bene, grazie.
Tra me e il bmw ci sono 90 kg di spalle da wrestling che cominciano a parlare a garganella.
Do you speak English?
Io: no, solo curdo.
Non gli sembra un problema.
Nel più cavernoso dialetto newyorchese mediato da slang neoconiato, apre il suo curriculum.
-Mi chiamo Charles sono di New York sono a Como per vacanze estive ma soprattutto perché ho dei parenti qui ma mi stanno tutti sul cazzo, la cosa più impressionante dell’italia è che siete tutti magri, tutti sportivi e nessuno rutta in faccia (mia traduzione libera ma discutibile)
Tu però sei la più (parola oscura) che abbia mai incontrato, ho trovato la mia anima gemella non capisci è un segno (omissis ceteris), assomigli a una che non è celine dion ma non mi viene il nome,
Alla parola Celine Dion do segni di irritabilità e nella mia più sorridente espressione psycho gli faccio capire che ho una certa fretta. Devo scappare perché la polizia mi sta inseguendo per un reato da ergastolo.
Non gli sembra un problema.
-Come ti chiami?
Io: Celine.
-Ma Celine non capisci, c’è feeling, ti va di camminare con me per un po’, ti offro un drink, devo poter guardare i tuoi occhi ancora per dieci minuti per capire che non sto sognando.
In questo momento capisco perché gli americani possono comprare una pistola direttamente al bennet, per dare una risposta pronta a questo tipo di frase.
-Allora ti va oppure ti lascio il mio numero. Ti lascio il mio numero, devo vedere che lo scrivi.
Se no non mi fido, hai una penna?
Mai avuta una. Bene Charles, quella è la mia macchina, devo assolutamente andare a fare un genocidio, se mi permetti, vorrei passare.
In questo momento Charles vede la mia macchina. Grosso errore.
Come se non avesse mai visto un bmw nella sua vita, si innamora follemente della macchina. Io passo naturalmente in secondo piano, ormai ha deciso di fidanzarsi con i cerchioni del bmw, che contempla con spiritualità americana.
Sento qualche parola confusa che incita al matrimonio.
Mentre va ad ammirare il posteriore saluto e mi parte la sgommata sulla ghiaia non intenzionale.
Lo vedo dallo specchietto, con le braccia alzate e un dito che indica il cellulare.
E guardando da lontano il suo viso afronewyorchese un po’ amareggiato, immagino che una discussione tra Charles Bukowski e Céline potesse essere di ben altra risma.

Ecco, i post di Arkangel sono così, uno meglio dell’altro:)
Ora guardate il video con fiducia, con le casse accese, vi piacerà senz’altro. Poi fatemi sapere che ve ne pare. Magari vi dico anche che ne pensano gli altri. :)
wmp.jpg

Annunci

6 pensieri su “Arkmode plus video

  1. Chissà perchè, ma quel tuo “guardate CON FIDUCIA” mi ha insospettito subito, ed infatti… :D
    LOL! Sorry, con me non ha sortito effetto… :P

  2. Luciano Giustini

    Eheh :-)
    I commenti finora ricevuti via email sono spettacolari: si va dal “ma tu sei pazzo, a quest’ora…potevo rimanerci :-)” al “maledetto :)) mi hai fatto versare l’acqua sulla tastiera :))”
    ad un significativo “Bastard!!!!”

  3. io che sono la solita scema stavo per risponderti: ma che significa?
    solo che non l’avevo visto con le casse accese :D
    ora mi aggiungo al coro di “bastardi!”

  4. Belinda

    LUCIANO!!!
    Ho guardato senza fiducia, ma mi sono spaventato lo stesso!!
    Non poteva che essere tedesco il video!!
    Belinda

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...